Minieolico, gli operatori del CPEM contro burocrazia e incertezza

Articolo_CPEM_02022018

L’associazione denuncia i provvedimenti “punitivi” della Regione Basilicata e il preoccupante ritardo del nuovo decreto rinnovabili. Si torna a chiedere una proroga degli incentivi ad accesso diretto del dm 23 giugno 2016 e una sanatoria per gli impianti connessi in ritardo.

Nei giorni scorsi si è tenuto a Potenza un incontro tra Carlo Buonfrate, presidente del CPEM, associazione che rappresenta gli interessi del minieolico a livello nazionale, ed un gruppo di operatori lucani del settore. Il presidente – rende noto l’associazione in una nota – ha preso atto “dello stato di difficoltà e frustrazione” in cui versano i tanti piccoli investitori locali, “vittime di atteggiamenti ostruzionistici della pubblica amministrazione e delle inefficienze del distributore della rete”.

Per leggere tutto l’articolo premi l’icona sotto

 

CPEM_Potenza

CPEM contro Burocrazia e incertezza

Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien